Il Museo della Scuola Rurale, un insolito museo sociale nel cuore della campagna bretone.
 

Il passato interroga il presente e delinea il futuro. Questo vale per tutte le materie. Il mondo dell'istruzione non fa eccezione alla regola.
Ai piedi del Menez-Hom, a Trégarvan, e a pochi chilometri dalla frenesia turistica della penisola di Crozon, il Museo della Scuola Rurale è allo stesso tempo testimone di un'epoca passata, quella della scuola nelle campagne francesi all'alba del XX secolo, e esploratore del futuro prossimo, quello della scuola di domani.
Attraversate l'Aulne Maritime sul maestoso ponte di Térénez, quindi seguite la strada per Trégarvan. In meno di 10 chilometri, su questa strada tortuosa e costeggiata dal sottobosco, avrete l'impressione di aver viaggiato tra due epoche. Il Museo delle Scuole Rurali della Bretagna si propone di esplorare il passato per comprendere meglio il presente.

Interrogarsi sull'attualità, il gioco preferito del museo della scuola rurale
Iniziate la vostra visita con la mostra temporanea che tratta argomenti strettamente legati alla scuola.
Fino al 13 giugno, scoprite la mostra "À table! Qui il museo esamina le problematiche dell'alimentazione nelle scuole rurali dalle leggi di Jules Ferry ai giorni nostri. In Francia questo dato è tutt'altro che aneddotico, visto che ogni giorno 6 milioni di bambini pranzano in mensa. Per tutti loro, la mensa evoca ricordi: belli e meno belli. Per alcuni è un momento di incontro con gli amici. Per altri, è un luogo in cui si concentrano ansie gastronomiche e sociali. Ma al di là del semplice ricordo dell'infanzia, fin dal XIX secolo l'alimentazione nelle scuole è stata una risposta a diverse problematiche.
All'inizio di luglio, il tema del cibo sarà sostituito dall'uso degli schermi nelle scuole, con la mostra "La fabrique de l'école 2.0". Per oltre 50 anni, lo schermo è stato utilizzato nelle scuole come strumento educativo. Se oggi è al centro delle polemiche, perché ha occupato tanto spazio nella nostra vita, come avremmo fatto senza di essa, durante il confino della primavera 2020, a garantire la continuità pedagogica?
 
Queste due mostre offrono una scenografia ritmata e attenta in cui oggetti storici, multimedia, filmati e testimonianze scandiscono la visita. Inoltre, invitano a interagire, a lasciare una traccia del proprio passaggio e a interrogare il visitatore successivo.

L'esposizione permanente, testimonianza di un'epoca passata          
Proseguite la visita al museo con la mostra permanente, allestita nel bellissimo edificio dell'ex scuola del comune. Qui scoprirete la ricostruzione delle aule scolastiche dal 1910 al 1970, con una collezione di oggetti originali: banchi, carte geografiche, lavagne, zoccoli, oggetti decorativi, ecc. Al primo piano, entrate nell'intimità degli insegnanti di quegli stessi periodi, con la ricostruzione delle stanze dei loro appartamenti.
All'esterno, il parco giochi circondato dal muro di cinta, il parco giochi e i servizi igienici sono altre testimonianze di un passato non così lontano.          
Gli immediati dintorni del museo, costituiti da appezzamenti agricoli e strade di campagna, ricordano il tema di questo museo: l'educazione nelle aree rurali.

I vantaggi del museo        
♦ Il museo offre una visita collegata. Grazie all'applicazione Imagina, potete accedere a contenuti aggiuntivi: audio, video, quiz...           
♦  Conducete l'indagine! Per i bambini dai 6 anni in su, chiedete alla reception il libretto "Indagine di polizia" e lasciate che i vostri figli vaghino per il museo come detective in missione.       
Questi materiali sono inclusi nel prezzo della visita.                         
♦  Il libretto per le famiglie, accessibile ai bambini a partire dai 6 anni, vi consentirà inoltre di punteggiare la vostra visita con giochi corrispondenti ai diversi luoghi del museo. (Venduto alla reception: 1€)         
 

L'ambiente: uno scenario da cartolina lontano dalle spiagge e dalla folla
Trégarvan è un comune rurale, ma anche il più piccolo villaggio del Finistère, situato sulle rive dell'Aulne marittimo. Dal museo o dal villaggio si possono fare belle passeggiate. Non andate via senza aver visitato lo scalo di alaggio! È il luogo ideale per un picnic, con i piedi in acqua, di fronte alla splendida foresta di Rosnoën. Approfittate della pace e della tranquillità di questo luogo per fare una pausa, lontano dal rumore del mondo e fuori dal tempo.


Numerose attività e laboratori vengono proposti durante tutto l'anno, vedi il nostro programma: https://musee-ecole.fr/agenda-reservations/
 


 
 
IL PROGRAMMA DELLE VACANZE DI PRIMAVERA 2022 AL MUSEO DELLA SCUOLA :

Laboratori artistici e creativi, scoperte ed esperimenti nel labotager, visite guidate, scrittura con la penna... Qualcosa di divertente per tutta la famiglia durante le vacanze di primavera al Museo della Scuola!
Da domenica 10 aprile a domenica 24 aprile, il museo sarà aperto tutti i giorni, tranne il sabato, dalle 14:00 alle 18:00. I mediatori del museo hanno preparato un ricco programma per queste due settimane di vacanza.

♦ Le imperdibili visite guidate e la calligrafia si svolgeranno ogni lunedì (tranne il lunedì di Pasqua), mercoledì e venerdì alle 16.00.

♦ Una visita lampo al labotager si svolgeranno il giovedì alle 15.00.

♦ Il martedì 12 e 19 aprile alle 15.00, i laboratori artistici con un artista visivo sono offerti agli aspiranti artisti. Possono scoprire due nuovi laboratori Labostylo per scoprire, creare e sperimentare con questo singolare strumento che è la biro e il La scuola è in crisi per osservare le tracce del passato e imparare l'arte del disegno.

♦ Giovedì 14, alle ore 15.15, si terrà un laboratorio di Sculpte la nature in cui tutti potranno utilizzare l'argilla per realizzare le proprie sculture effimere per decorare il giardino.

♦ Infine, giovedì 21 alle 15.15 sarà possibile creare bombe di semi.

♦ Senza dimenticare la (ri)scoperta della mostra "La fabbrica della scuola 2.0", in programma fino al 29 maggio 2022.

Contatti e prenotazioni
contact@musee-ecole.fr
02 98 26 04 72
www.musee-ecole.fr